Polidesossiribonucleotidi (PDRN): terapia biorivitalizzante e cosmetici a base di DNA di salmone

Il termine “DNA di salmone” sta crescendo di popolarità in Asia, con cliniche di dermatologia e medicina estetica che pubblicizzano iniezioni e trattamenti di vario tipo che promettono benefici per la pelle e con produttori di cosmetici che includono questo ingrediente nelle loro formulazioni per una moltitudine di effetti positivi presunti.

pdrn salmon dna

Che cos’è esattamente il DNA di salmone o PDRN?

Il DNA di salmone è il termine di marketing che si riferisce al polidesossiribonucleotide (PDRN), una serie di molecole bioattive derivate dal DNA purificato e sterilizzato estratto dallo sperma di due specie ittiche appartenenti alla famiglia dei salmoni: il salmone keta e la trota salmonata. Il modo in cui il PDRN viene lavorato lo rende sicuro per l’uso sulle persone senza rischi di scatenare reazioni immunitarie.

Perché il DNA dello sperma?

Ci si può chiedere perché utilizzare le cellule spermatiche per estrarre il PDRN e non qualsiasi altra cellula del corpo, dato che tutte contengono DNA. Il motivo è semplice: le cellule somatiche, che sono le cellule del corpo diverse dagli spermatozoi e dagli ovociti, quando vengono lavorate hanno un rischio maggiore di portare impurità nella preparazione finale, come proteine o pezzi di proteine (peptidi) e lipidi, mentre con le cellule spermatiche estratte e purificate ad alta temperatura non c’è questo rischio, rendendole una fonte perfetta per il PDRN.

Come funziona il PDRN (polidesossiribonucleotidi)?

Il DNA di Salmone sembra esercitare i suoi effetti principalmente in 2 modi:

  • legandosi al recettore dell’adenosina A2A
  • attraverso la “salvage pathway” o “via (metabolica) di salvataggio”

Il PDRN a differenza di altre molecole non viene metabolizzato dal fegato, ma viene attaccato da enzimi noti come DNA nucleasi che degradano la grande molecola di DNA in pezzi più piccoli chiamati nucleotidi e nucleosidi: i primi sono i mattoni del DNA e dell’RNA e i secondi sono precursori dei primi e sono essi stessi molecole bioattive.

 L’azione principale è dovuta al legame di alcuni di questi nucleosidi con il recettore dell’adenosina A2A. Si tratta di una proprietà unica del DNA di salmone, poiché sembra che fonti diverse di PDRN, miscele diverse di polinucleotidi o processi di produzione diversi non possano replicarla. L’interazione con questo recettore provoca una cascata di eventi di lunga durata e con una moltitudine di effetti, in quanto esso è coinvolto nella modulazione dell’infiammazione, del consumo di ossigeno, dell’ischemia, della crescita cellulare e dell’angiogenesi.

Una seconda azione è causata dalla disponibilità dei nucleotidi generati dalla scomposizione del PDRN che consente la cosiddetta “via (metabolica) di salvataggio”: invece di sintetizzare il DNA da zero, questi pezzi possono essere utilizzati per riparare il DNA esistente; questo è importante perché le cellule danneggiate o ipossiche, a differenza di quelle sane, spesso non possono sintetizzare nuovo DNA. Ciò consente loro di guarire, crescere e proliferare, portando a un processo di rigenerazione e guarigione dei tessuti più rapido rispetto a quello di dover ricostruire e sintetizzare tutto da zero.

Quali sono gli effetti del PDRN sulla pelle?

La maggior parte degli studi sul PDRN sono in vitro, su colture cellulari, e in vivo su animali, incentrati sulla rigenerazione dei tessuti e sulla guarigione delle ferite.

Gli studi su colture di fibroblasti, le cellule dello strato dermico della pelle che producono tra l’altro collagene, acido ialuronico ed elastina, dimostrano che il PDRN ne aumenta la proliferazione. Studi sugli osteociti (cellule ossee) e sui condrociti (cellule della cartilagine) mostrano che il DNA di salmone aumenta la loro proliferazione e il loro metabolismo, riducendo al contempo la degradazione dei tessuti, mostrando un potenziale nella rigenerazione dei tessuti. L’estratto di DNA di salmone esercita anche proprietà anti-melanogenesi inibendo l’attività della tirosinasi.

Grazie al suo coinvolgimento nella “via di salvataggio”, il DNA di salmone sembra avere un effetto protettivo contro i danni al DNA indotti dai raggi UV, essendo in grado di potenziare i processi di riparazione del DNA.

Gli studi sugli animali confermano la capacità del PDRN di migliorare la riepitelizzazione delle ferite, riducendo i tempi di guarigione, non solo aumentando la proliferazione e l’attività delle cellule, ma anche attraverso l’angiogenesi, ovvero la formazione di nuovi vasi sanguigni: un numero maggiore di vasi sanguigni significa un flusso sanguigno ripristinato verso le ferite e i tessuti danneggiati, nonché una maggiore quantità di ossigeno e di sostanze nutritive per sostenere la rigenerazione dei tessuti.

Negli studi sugli animali, il PDRN ha efficacemente diminuito i marcatori infiammatori, ridotto i danni e complessivamente protetto i tessuti in modelli di diverse malattie come l’artrite, la colite e la parodontite. Infine, il DNA di salmone è stato testato in scenari di ischemia, dove ha protetto i tessuti dai danni, ridotto l’infiammazione e limitato il danno da riperfusione.

Gli studi sull’uomo sono ancora limitati per numero e dimensione del campione, ma nel complesso, da ciò che è disponibile ad oggi, il PDRN sembra aver confermato il suo potenziale di rigenerazione tissutale, dimostrandosi efficace nel migliorare la guarigione e/o gestire i sintomi delle ulcere del piede diabetico, degli innesti chirurgici di pelle, delle ulcere da pressione, dell’osteoartrite, della fascite plantare, della rigenerazione dell’epitelio corneale, della malattia della cuffia dei rotatori e del lichen sclerosus.

Iniezione di PDRN (Rejuran, Placentex, Plenhyage XL, … ) come trattamento biorivitalizzante e rigenerante in medicina estetica

Le iniezioni di DNA di salmone stanno diventando molto popolari nelle cliniche di medicina estetica. Vengono utilizzate per migliorare la consistenza e la qualità della pelle, per trattare la perdita di volume, per migliorare l’aspetto delle cicatrici, per gestire i problemi di pigmentazione, per ridurre le dimensioni dei pori, per migliorare l’idratazione della pelle e, in generale, come trattamento mesoterapico anti-invecchiamento e biorivitalizzante.

Le iniezioni di PDRN agiscono

  1. Promuovendo la sintesi dei componenti della matrice dermica, come il collagene e l’elastina.
  2. Inibendo la degradazione dell’elastina
  3. Riducono l’iperpigmentazione inibendo la melanogenesi (inibendo l’attività della tirosinasi).
  4. Esercitando un’azione antinfiammatoria
  5. Proteggendo dalle specie reattive dell’ossigeno (cioè i “radicali liberi”), riducendo i danni alle cellule, alle proteine dermiche, al DNA, …
  6. con azione anti-invecchiamento, aiutando a riparare il DNA dei tessuti danneggiati o ipossici e ripristinando la normale proliferazione e crescita cellulare.

La PDRN può anche essere utile per combattere la caduta dei capelli e favorirne la crescita, anche se sono necessari ulteriori studi per valutare questo effetto. Un’altra applicazione proposta dell’iniezione di PDRN è il “priming” o preparazione della pelle prima di altre procedure estetiche minimamente invasive come il laser o prima di interventi chirurgici per ridurre i tempi di guarigione, le cicatrici e, in generale, per ottenere risultati migliori.

Per ottenere risultati visibili è necessario sottoporsi a diverse sedute di trattamento a causa della breve emivita del PDRN; la maggior parte delle cliniche consiglia di eseguire almeno 3-4 sedute a intervalli di 2-4 settimane, oltre a trattamenti di mantenimento una o due volte l’anno.

pdrn skin injection

PDRN nelle formulazioni cosmetiche come ingrediente antiaging

La maggior parte degli studi disponibili mostra l’efficacia del DNA di Salmone quando viene somministrato a colture cellulari o iniettato nel derma o nel tessuto muscolare. In altri studi, gli effetti del PDRN sono stati valutati in ferite aperte, quando la barriera cutanea è stata compromessa a causa di una lesione meccanica. Nei prodotti per la cura della pelle uno degli ostacoli per l’efficacia di una formulazione è la capacità di penetrare nello strato corneo, lo strato più esterno della pelle, per raggiungere le cellule dove può esercitare la sua azione.

Le molecole di PDRN sono da 100 a 300 volte più grandi di quelle che si ritengono essere le dimensioni giuste per la penetrazione cutanea; inoltre, si tratta di una molecola idrofila che rende ancora più difficile il passaggio attraverso lo strato corneo.

Ho contattato un’azienda biotecnologica che commercializza formulazioni per la cura della pelle contenenti PDRN per capire meglio come hanno affrontato la questione: se all’inizio della nostra conversazione si sono dimostrati disponibili e felici di aiutare, si sono ammutoliti quando ho evidenziato la mancanza di prove quando si afferma che il DNA di salmone è efficace se applicato topicamente su una pelle non danneggiata e che una molecola così grande non è in grado di penetrare nello strato corneo. La mancanza di risposte quando sono diventato più tecnico mi fa pensare che non abbiano mai risolto, o anche solo valutato, il problema della penetrazione.

Una soluzione semplice potrebbe essere quella di utilizzare un dermaroller o un dispositivo di microneedling prima dell’applicazione della formulazione topica di PDRN, consentendole di attraversare l’epidermide attraverso le interruzioni e i microcanali creati dai microneedles. Questo può aiutare i polinucleotidi più piccoli, vicini alla dimensione di 50 KDa, ad attraversare la barriera cutanea, ma potrebbe non essere sufficiente per i polinucleotidi più grandi, vicini al peso molecolare di 150 KDa. Altre tecniche come la ionoforesi, la sonoforesi e la radiofrequenza possono contribuire a migliorare la penetrazione del PDRN, anche se la molecola potrebbe essere ancora troppo grande per attraversare la barriera cutanea e in ogni caso tutte queste tecniche dovrebbero essere dimostrate efficaci in studi clinici prima di affermare che sono efficaci se usate in combinazione con il PDRN.

Un’altra soluzione sarebbe quella di scomporre la molecola di PDRN e ridurla in pezzi più piccoli: anche se questo potrebbe essere ancora parzialmente efficace dal punto di vista della via di salvataggio, potrebbe non esercitare altre azioni o non essere altrettanto efficace. Un articolo scientifico pubblicato e che confronta l’efficacia di molecole di PDRN di diverso peso molecolare ha già dimostrato che la dimensione 50-150 KDa è la più efficace rispetto a molecole più piccole di 50 KDa o più grandi di 150 KDa, quindi sarebbero necessari ulteriori studi clinici per dimostrare l’efficacia del preparato realizzato con pezzi di DNA di salmone da 100 a 300 volte più piccoli.

Complicazioni ed effetti collaterali del trattamento con PDRN

Secondo gli studi pubblicati, il trattamento con PDRN sembra essere molto ben tollerato, senza effetti tossici su cervello, tessuto muscolare, fegato, cuore o polmoni e senza reazioni immunitarie. Gli unici effetti collaterali riportati dalla maggior parte dei soggetti sono fastidio, ecchimosi e prurito nell’area dell’iniezione, sintomi comuni dopo qualsiasi terapia iniettiva che non richiedono un intervento medico e si risolvono spontaneamente entro 1 settimana.

Problemi del trattamento PDRN

La terapia PDRN è promettente, ma presenta ancora molti problemi prima di poter affermare senza dubbi che è efficace e sicura.

Un problema è che non esiste un protocollo di trattamento definitivo (numero di sedute, intervallo tra le sedute, dose ottimale, ecc). Non ci sono molti studi rigorosi e solo pochi sono studi sull’uomo su un numero limitato di soggetti, soprattutto per le applicazioni di medicina estetica proposte. Gli studi sono spesso finanziati o sponsorizzati dai produttori di PDRN, il che non implica necessariamente che siano stati progettati per mostrare buoni risultati, ma certamente aumenta il rischio di parzialità dei ricercatori.

Il PDRN ha un’emivita breve il che significa che probabilmente richiede iniezioni continue per ottenere buoni risultati. Un esperimento di confronto tra un gel a rilascio continuo e un’iniezione singola e un controllo ha dimostrato che l’iniezione singola ha dato risultati solo leggermente migliori rispetto al controllo, mentre il gel ha migliorato significativamente la guarigione delle ferite e l’angiogenesi. Questo potrebbe suggerire che il trattamento con iniezioni giornaliere per diversi giorni da ripetere ogni pochi mesi potrebbe essere la chiave per ottenere risultati ottimali e significativi.

Come evidenziato nel paragrafo precedente sul PDRN come ingrediente per la cura della pelle, la penetrazione di questa molecola nell’epidermide umana è sconosciuta ed è improbabile che si verifichi, pertanto le formulazioni per la cura della pelle contenenti PDRN non hanno ancora dimostrato la loro efficacia nella pelle integra e sana.

Conclusioni sul trattamento con PDRN

Gli studi in vitro e in vivo sugli animali dimostrano l’efficacia del DNA di salmone e ne evidenziano il meccanismo d’azione. I risultati sembrano essere coerenti, soprattutto quando viene utilizzato per la guarigione delle ferite. Per quanto riguarda le iniezioni di PDRN in medicina estetica, sebbene ci siano ancora problemi da risolvere, nel complesso i risultati sembrano promettenti e possiamo aspettarci di vedere più evidenze di alta qualità e un’applicazione più ampia di questa sostanza nel prossimo futuro. Per quanto riguarda i preparati cosmeceutici contenenti PDRN, se i produttori di cosmetici non affrontano il problema della penetrazione cutanea è improbabile che producano risultati.

Fonti

Share:

Save time and energy

For doctors or clinics recommendation, more information on the topic of this article or a free quotation

Subscribe to the Newsletter