Farmaci e integratori per abbassare i trigliceridi alti nel sangue

Se si soffre di ipertrigliceridemia, cioè si hanno i trigliceridi alti nel sangue, ci si potrebbe trovare a ricercare quali farmaci o integratori possono aiutare ad abbassare questo valore.

Il primo passo per risolvere questo problema di salute è quello di cambiare e di migliorare la dieta e di modificare lo stile di vita, ma in alcuni casi e specialmente quando i livelli di trigliceridi sono elevati (<200 mg/dL) o molto elevati (<500 mg/dL), i farmaci e gli integratori potrebbero essere non solo indicati, ma anche un’ottima strategia per ottenere risultati migliori e più velocemente.

integratori per abbassare trigliceridi alti

Migliori integratori per abbassare i trigliceridi alti

Esiste una gran varietà di integratori sul mercato che promettono di aiutare ad abbassare i livelli dei trigliceridi, ma non tutti hanno prove che ne dimostrino l’efficacia. I seguenti sono gli integratori con studi scientifici che ne supportano l’uso.

Ricordate sempre di consultare il vostro medico curante prima di prendere qualsiasi integratore: non si tratta infatti di sostanze innocue, la loro assunzione può comportare dei rischi o far insorgere effetti collaterali, così come possono interagire con altri farmaci o altre sostanze e potrebbero non essere indicati a causa della vostra anamnesi.

Acidi grassi omega-3 (EPA e DHA) per abbassare i trigliceridi

L’integrazione giornaliera di integratori di omega-3 è efficace nell’abbassare i trigliceridi. Fonti diverse di omega-3 contengono EPA e DHA in proporzioni diverse, anche se non è ben chiaro quale sia la proporzione più favorevole per diminuire i trigliceridi. EPA e DHA sono due dei tre acidi grassi che appartengono alla classe degli omega-3, il terzo è l’ALA. La maggior parte degli integratori contiene olio di pesce, olio di fegato di merluzzo o olio di krill, con quest’ultimo che sembra avere più alta biodisponibilità rispetto agli altri due.

La dose varia tra 1 g/die e 5 g/die, ma l’integrazione con più di 1-2 g al giorno andrebbe intrapresa solo dopo aver consultato il proprio medico di famiglia o su prescrizione di uno specialista. Alte dosi di omega-3 interferiscono infatti con il meccanismo della coagulazione del sangue.

Niacina: la vitamina B3

La niacina è una vitamina idrosolubile capace di abbassare i livelli di colesterolo “cattivo” LDL e di aumentare quelli di colesterolo “buono” HDL, diminuendo inoltre i trigliceridi nel sangue fino al 50%.

La niacina è efficace in particolare ad alte dosi, 1,500 mg al giorno o più, per le quali serve una prescrizione. I rischi collegati all’integrazione di alte dosi di B3 sono i danni epatici e l’iperglicemia nei pazienti diabetici.

Berberina

La berberina è una molecola chimica che viene estratto da una pianta e che sembra efficace per abbassare sia i trigliceridi che il colesterolo, così come a migliorare la glicemia a digiuno e l’emoglobina glicata e a ridurre l’insulinoresistenza nei pazienti con diabete di tipo 2. La dose consigliata è di 500-1,500 mg al giorno che potrebbero però causare effetti indesiderati all’apparato gastrointestinale.

Riso Rosso Fermentato per abbassare i trigliceridi

Il riso rosso fermentato è un integratore piuttosto diffuso e che vede le sue origini nella medicina tradizionale cinese. Il riso rosso contiene la monacolina K, una molecola identica alla lovastatina che è un farmaco prescritto per abbassare i lipidi nel sangue. Per questo motivo, il riso rosso non è vendibile negli Stati Uniti come integratore, ma questo resta comunque disponibile e di libera vendita in molti paesi del mondo. La dose consigliata è solitamente 10 mg al giorno, ma è importante tenere presente che la sua assunzione non è esente da rischi e andrebbe integrato solo su consiglio e sotto il controllo del proprio medico. Dolori e danni muscolari e danni epatici sono tra i possibili effetti collaterali di questo prodotto, per il quale in genere si consiglia di controllare i livelli di enzimi epatici e di creatinchinasi (CK o CPK) regolarmente se lo si assume.

Farmaci per abbassare i trigliceridi

Prima di prescrivere dei farmaci o degli integratori ad alto dosaggio che necessitano di prescrizione, il medico dovrà effettuare una analisi del rischio e dei benefici. In base all’anamnesi e al livello dei trigliceridi nel sangue, il medico potrebbe prescrivere uno o più dei seguenti farmaci.

Statine

Le statine sono una classe di farmaci utilizzata come trattamento di prima scelta per l’ipercolesterolemia (colesterolo alto), ma sono efficaci anche nell’abbassare i trigliceridi. I farmaci più comuni appartenenti a questa classe sono:

  • Atorvastatina (Torvast o Totalip)
  • Fluvastatina (Lescol)
  • Lovastatina (Lovinacol)
  • Pitavastatina (Livazo)
  • Pravastatina (Pravaselect)
  • Rosuvastatina (Crestor)
  • Simvastatina (Sivastin o Zocor)

Tra i rischi derivanti dall’assunzione di statine, vi sono i dolori muscolari e potenzialmente la rabdomiolisi, costipazione, nausea e innalzamento degli enzimi epatici.

Fibrati

I fibrati sono una classe di farmaci in grado di abbassare i lipidi nel sangue, sia il colesterolo che i trigliceridi. I farmaci più comuni appartenenti a questa classe sono:

  • Acido fenofibrico (TriLipix)
  • Fenofibrato (Fulcrosupra)
  • Gemfibrozil (Lopid)

Le persone con patologie epatiche, renali o disturbi della colecisti non dovrebbero assumere questi farmaci. Alcuni altri farmaci possono interagire con i fibrati: presi in combinazione con le statine aumenta il rischio di rabdomiolisi, una sindrome grave nella quale i muscoli vengono danneggiati causando dolore e rilasciando metaboliti nel flusso sanguigno che possono portare all’insufficienza renale acuta.

Considerazioni finali sugli integratori e farmaci per abbassare i trigliceridi

Studi scientifici mostrano quanto sia importante tenere sotto controllo il profilo lipidico del sangue: i trigliceridi, il colesterolo HDL e LDL sono tutti fattori che pesano quando si parla di salute cardiovascolare.

È anche molto importante il modo nel quale si abbassano questi valori quando risultano elevati: l’abbassamento del colesterolo o dei trigliceridi senza modificare la dieta, senza esercizio fisico e senza modificare lo stile di vita potrebbe non essere sufficiente a ridurre il rischio di sindrome coronarica e di ictus; quindi benché gli integratori ed i farmaci siano uno strumento utile ed importante per migliorare il proprio stato di salute, questi non devono essere visti come una scorciatoia o come la strada più semplice per raggiungere l’obiettivo di migliorare le analisi del sangue senza fare alcuno sforzo.

Fonti

Share:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on reddit
Share on vk
Share on tumblr
Share on mix
Share on skype
Share on telegram
Share on whatsapp

Save time and energy

For doctors or clinics recommendation, more information on the topic of this article or a free quotation

Subscribe to the Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *